La sindrome dello yo-yo. Come non riprendere i chili persi con gli interessi.

by Dott.ssa Fantin Francesca on

yo-yo-diets-may-not-have-lasting-impact-l422uacm-x-large

Quando si intraprende una dieta dimagrante capita spesso che si perdano dei kg e poi, col tempo, questi vengano ripresi con gli interessi. Se si fanno più diete nell’arco della vita, questo può succedere diverse volte e ,in questo caso, questa variazione di peso negli anni si chiama Sindrome dello yoyo. Come evitarla? semplice!

  1. La dieta va affiancata sempre a un percorso di educazione alimentare. Se la dietista non insegna al paziente qual è il giusto modo per impostare l’alimentazione in autonomia per tutta la vita e non spiega al paziente quali alimenti preferire/limitare e come costruire le giornate alimentari; il paziente, finito il percorso dietetico, ricomincerà a mangiare come prima e quindi tornerà alla condizione che ha portato il paziente a prendere kg.
  2. Evitare i cali di peso drastici. Tutti vorrebbero dimagrire velocemente e senza sacrifici. Ma il calo troppo rapido porta inevitabilmente a una riduzione oltre che della massa grassa (il tessuto adiposo), anche della massa magra (il muscolo). La massa magra (muscolo) però è la parte metabolicamente più attiva nel nostro organismo (cioè la parte del nostro organismo che brucia più calorie). Se perdiamo massa muscolare con la dieta “drastica”, il nostro fabbisogno calorico cala e quindi sarà più facile riprendere i kg persi con gli interessi. Per esempio, se prima di iniziare la dieta “drastica” bruciavo 1600 Kcal; con la perdita della massa muscolare il mio dispendio energetico diventa 1500 kcal. Finita la dieta, se torno a mangiare le stesse calorie che mi servivano prima della dieta per mantenere il peso (1600 Kcal), aumenterò di peso e riprenderò quindi i kg perduti con gli interessi, perché ora il mio dispendio energetico è più basso (1500 Kcal). Il calo quindi deve essere graduale, non troppo rapido e deve prevedere una riduzione solo della massa grassa con mantenimento/aumento della massa muscolare.
  3. Praticare attività fisica. Questo di solito è il punto “dolente”. L’attività fisica può essere fatta in diversi modi e con diversi costi. L’attività fisica più semplice e a costo 0, che possono fare quasi tutti, è la camminata, la bicicletta e la corsa. La seconda alternativa è l’attività fisica organizzata (es. palestra, piscina, ecc.). L’ultima alternativa, che è sicuramente la migliore, ma che ha il costo più alto, è affidarsi a un personal trainer che costruirà un percorso personalizzato sulla persona. Perché è fondamentale fare attività fisica quando si fa una dieta e si vuole evitare l’effetto yo-yo? Perché ci fa mantenere/aumentare la massa magra (muscolo) e quindi stimola il nostro metabolismo, facilita il calo della massa grassa, riduce il rischio di riprendere i Kg persi a lungo termine e fa bene alla salute.
Share

Written by: Dott.ssa Fantin Francesca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.